I musei più importanti di Udine

Udine

Udine è una bellissima città che offre caratteristici scorci paesaggistici, ed è ricca di notevoli bellezze artistiche e naturali. Secondo la leggenda il colle dove sorse Udine è quello da cui Attila, il sanguinario re degli Unni, ammirò l’incendio della città di Aquileia da lui stesso appiccato.

La città friulana è sovrastata da un bellissimo castello ed è costeggiata da due torrenti: il Cormor ad ovest ed il Torre ad est. Per la sua particolare posizione strategica fu a lungo contesa dai popoli stranieri, fino ad essere annessa definitivamente all’Italia nel 1866. Dopo questa spolverata storico-geografica, conosciamo i musei più importanti di Udine.

Il Museo Diocesano e Galleria del Tiepolo è ubicato a partire dal 29 aprile 1995 nel Palazzo Patriarcale di Udine. Il Palazzo, pur avendo una struttura settecentesca, affonda le sue origini nel ‘400. Dal 1593 al 1751 fu anche la residenza dei Patriarchi di Aquileia, mentre oggi è stata adibita a sede dell’arcivescovo. In questo museo è possibile ammirare oltre 700 opere artistiche, tra cui i famosi affreschi del ‘700 del pittore Giambattista Tiepolo.

Particolarmente apprezzata è anche la biblioteca del Patriarca Delfino, dove sono custoditi preziosi ed antichi volumi, incunaboli, prime edizioni, cinquantine e codici miniati. Per gli amanti dell’arte antica è possibile visitare un intero piano completamente dedicato alle sculture lignee.

Per gli amanti della natura, dell’archeologia e della botanica suggerisco invece una visita al Museo di storia naturale, un importante istituto di ricerca. Il museo conserva campioni e reperti suddivisi in sei sezioni: geo-paleontologia, botanica, mineralogia, paletnologia, zoologia ed entomologia. Tutti i reperti qui conservati rappresentano uno straordinario patrimonio naturale e storico non solo per Udine, ma per tutta la regione del Friuli Venezia Giulia e per l’Italia in generale. All’interno del museo c’è anche una biblioteca specializzata, che custodisce circa 43.000 opere di oltre 1.300 periodi storici.

Proseguiamo sul filone dell’arte, e la nostra prossima tappa di questo tour virtuale tra le bellezze artistiche di Udine ci porta alla Galleria Fotografica Tina Modotti, celebre fotografa udinese nata il 17 agosto 1896 e morta il 5 gennaio 1942 a Città del Messico. L’edificio in stile liberty, che fino agli anni ’90 era la sede del mercato del pesce, oggi ospita importanti gallerie e mostre fotografiche che provengono sia dalle collezioni dei musei cittadini che da fuori città. Il palazzo, che apparteneva alla Confraternita del SS. Sacramento, ha una storia molto antica. Fu acquistato nel lontano 1691 da Antonio Someda, per poi essere rivenduto alla famiglia Tomadini.

Il nostro tour si conclude con i Civici Musei del castello di Udine, che divenne sede museale il 26 luglio 1906 in occasione del quarantesimo anniversario dell’annessione di Udine al Regno d’Italia. Al piano terra è possibile visitare due recenti musei: il museo Archeologico ed il museo del Risorgimento. Sul piano mobile si può ammirare la Galleria d’Arte Antica, che custodisce importanti dipinti del Caravaggio e del Tiepolo. Il museo della Fotografia, sito al terzo piano, custodisce preziose immagini dell’800 e del ‘900. Tra gli altri musei possiamo menzionare: le Raccolte di Scultura e Gipsoteca, la Gallerie di Disegni e Stampe e le Raccolte Numismatiche. Infine da segnalare la Biblioteca d’Arte  e la Fonoteca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *