Coast to Coast negli Stati Uniti

Organizzare un viaggio coast to coast

Un viaggio in macchina, da una costa all’altra degli Stati Uniti, è uno dei desideri più comuni tra i viaggiatori più avventurosi. Il coast to coast negli Stati Uniti è infatti un’esperienza unica, ricca di fascino e suggestione.

Strade che sembrano non finire mai, il vento fra i capelli e totale libertà. Questa è la vera essenza del viaggio on the road! Basta veramente poco, una macchina, il pieno di benzina, il giusto compagno di viaggio, un’adeguata colonna sonora e un bagaglio con il minimo indispensabile.

Ma perché per tanti questa fantastica esperienza rimane solamente un sogno nel cassetto? Forse sono spaventati da una simile avventura… In effetti un minimo di organizzazione prima di mettersi in viaggio è d’obbligo, ma niente di eccezionale… Bisogna solamente scegliere il percorso, noleggiare un’auto e programmare le prenotazioni. Vediamo quindi come organizzare un viaggio coast to coast negli Stati Uniti.

Il periodo migliore

Non stiamo attraversando la fettuccia di Terracina, dovete essere consapevoli che percorrendo una distanza così lunga, il clima cambierà ad ogni tappa. Probabilmente il periodo migliore per affrontare il viaggio è poco prima dell’estate, tra maggio e giugno. I mesi successivi saranno effettivamente troppo caldi. Si potrebbe anche risolvere con l’aria condizionata ma a mio avviso il vero viaggio coast to coast va fatto con una decappottabile.

Percorsi migliori

Di percorsi ce ne sono veramente tanti, lunghi e molto complessi. Non è necessario studiare la strada prima di partire, ma è meglio farsi un’idea generale delle varie alternative, al fine di scegliere il percorso più adatto alle proprie esigenze.

Route 66

Route 66

L’itinerario più affascinante è sicuramente quello che segue la mitica Route 66. Si tratta di un’autostrada lunga 3755 km che parte da Chicago e arriva fino a Santa Monica in California. Quindi non si tratta di un vero coast to coast, ma resta comunque il percorso più battuto. È consigliabile dotarsi di una mappa e di un navigatore GPS perché i cartelli molto spesso vengono rubati dai turisti come souveni. Le tappe d’obbligo sono innanzitutto Chicago, St. Louis nel Missouri, Oklahoma City, Santa Fe nel New Messico, il Grand Canyon in Arizona e infine Los Angeles.

Lincoln Highway

Lincoln Highway

Il vero viaggio coast to coast si fa sulla Lincoln Highway, un’autostrada lunga 5454 km che collega New York con San Francisco. Più precisamente si parte da Time Square e si arriva fino a Lincoln Park.

La Lincoln highway non fu realizzata solo per collegare le due coste ma anche per spingere lo sviluppo dell’automobile come mezzo di trasporto. La strada fu completata nel 1925 e anche se oggi è stata in gran parte assorbita dalla US Road 30 è ancora possibile percorrerla interamente, grazie alla precisa segnaletica curata dalla Lincoln Highway Association.

Attraverso la Lincoln Highway percorrerete gli Stati di New York, Pennsylvania, Ohio, Indiana, Illinois, Nebraska, Colorado, Nevada e California.

Itinerari personalizzati

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, il sistema stradale americano è molto articolato, per cui è possibile personalizzare il coast to coast. Ad esempio si può partire da New York e raggiungere Washington per poi attraversare gli Stati del Sud, il Gran Canyon e imboccare la mitica U.S. Route 50, la strada più solitaria degli Stati Uniti. Una tappa a Las Vegas e poi dritti fino a Los Angeles.

Oppure possiamo percorrere gli Stati del Nord ammirando straordinarie meraviglie naturali come i parchi Yosemite e Yellowstone, il Monte Rushmore, le cascate del Niagara.

Il noleggio dell’automobile

Noleggiare una macchina negli Stati Uniti è abbastanza semplice. Ci sono molte compagnie di autonoleggio, ma a mio avviso le più affidabili sono Hertz, Alamo e Avis. Tutte e tre permettono di effettuare la prenotazione online, ma prima di prenotare è importante sottolineare alcuni aspetti.

Se avete meno di 25 anni potrebbe essere applicata una tariffa assicurativa più alta. Le spese aumentano anche a causa del drop off. Cosa significa? Significa che partendo ad esempio da New York e lasciando la macchina a Los Angeles, la destinazione finale, la compagnia dovrà riportarla in sede…

Dovete fare attenzione anche alle condizioni di contratto relative all’assicurazione. In particolare è consigliabile che sia inclusa la Collision Damage Waiver che può essere anche chiamata Liability Damage Waiver, una sorta di polizza Kasko. In questo modo, in caso d’incidente o perdita del veicolo tutte le spese saranno coperte dall’assicurazione.

Verifichiamo anche le clausole relative al chilometraggio illimitato e che sia previsto la clausola per il guidatore aggiuntivo perché è assurdo pensare di guidare per un tragitto così lungo senza darsi il cambio.

I costi non sono facilmente preventivabili perché tutto dipende dal tipo di macchina che sceglierete, la durata del viaggio e dalle clausole dell’assicurazione. In linea di massima, il pacchetto full size per una normale utilitaria da noleggiare per 15 giorni si aggira intorno ai 1500 $. Bisogna considerare però il costo della benzina, nettamente inferiore che in Europa e la totale assenza di pedaggi autostradali.

Patente di guida internazionale

Per quanto riguarda la patente di guida, nel marzo del 2014, il Ministero dei Trasporti ha diramato una circolare in cui si chiarisce che la materia non è regolata a livello federale, ma viene demandata alla giurisdizione dei singoli Stati. Lo stesso Ministero chiarisce che per andare sul sicuro è opportuno portare la patente di guida italiana, accompagnata dalla patente di guida internazionale.

Quest’ultima si può richiedere alla Motorizzazione Civile compilando il modulo TT746, effettuando due pagamenti:

  • 16 € sul CC 4028
  • 10,20 € sul CC 9001

Sono inoltre necessari:

  • marca da bollo da 16€
  • due foto recenti in formato fototessera
  • codice fiscale

Si può procedere anche rivolgendosi direttamente ad un’autoscuola, ma ovviamente il prezzo aumenta, parliamo di una cifra compresa tra i 75 e i 100 €. I tempi sono abbastanza celeri, ma non possiamo ridurci all’ultimo momento, perché 7-10 giorni lavorativi sono comunque necessari. È opportuno sottolineare che tutti i documenti devono essere in corso di validità, per cui preoccupatevi anche di rinnovare la patente di guida, nel caso vi foste dimenticati della sua scadenza. Visto che il rinnovo va fatto ogni dieci anni, molto spesso ce ne dimentichiamo….

Pianificazione del viaggio

Dopo esserci chiariti un po’ le idee sul nostro viaggio vediamo come pianificarlo nel concreto. In primo luogo abbiamo bisogno del volo, cercando di risparmiare il più possibile. Il consiglio è di muoversi con largo anticipo in modo da poter usufruire di eventuali offerte e sconti. Cercando su Internet non dovrebbe essere difficile trovare un volo low cost, visto che ormai sono tanti i siti che permettono di scegliere l’offerta migliore, ad esempio possiamo utilizzare Expedia oppure eDreams.

In secondo luogo c’è la questione del pernottamento. Anche se dobbiamo fare un viaggio all’insegna dell’avventura, è sempre meglio pianificare le tappe e prenotare tutti gli alberghi prima di partire. Altrimenti corriamo il rischio di non trovare posto o semplicemente di pagare più del dovuto. Ancora una volta possiamo rivolgersi al online utilizzando Expedia oppure Booking.

Della macchina abbiamo già parlato, mentre una formalità burocratica da affrontare riguarda l’assicurazione sanitaria. Come sappiamo il sistema sanitario americano non è gratuito come invece accade in Italia, per cui (facendo i dovuti scongiuri) in caso d’incidenti o malesseri, meglio stare tranquilli e rivolgersi a qualche compagnia assicurativa che offre questo pacchetto. Potete scegliere ad esempio Columbus, ViaggiSicuri, Axa o Allianz.

Avremo bisogno anche di una Sim con un piano tariffario per l’estero. Situazione facilmente risolvibile con una prepagata di una qualsiasi compagnia telefonica. In questo modo potremo telefonare dagli Stati Uniti e chiamare i soccorsi se la macchina ci lascia per strada in mezzo al Deserto del Nevada (sempre facendo le corna).

Stima dei costi

Quanto può costare un viaggio coast to coast? Facciamo un attimo due calcoli… Supponendo di essere in due e di avere 15 giorni di ferie, il volo andata e ritorno ci verrà a costare tra i 1000 e i 1500 € a persona.

Per gli alberghi mettiamo 1500 € optando per soluzioni più che dignitose, mentre per il noleggio dell’autovettura abbiamo detto intorno ai 1500 €. La benzina ci costerà sui 400-500 € e l’assicurazione sanitaria 150 € a persona. Totale circa 6000 €, escludendo il mangiare e tutti gli optionals.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *